Il sito utilizza cookie tecnici e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per il miglioramento dei servizi. Per saperne di più o negare il consenso clicca su 'Maggiori informazioni'. Proseguendo la navigazione del sito o cliccando su 'Accetto' acconsenti all'uso dei cookie.

Manifestazioni tradizionali

Fragole San Mauro Manifestazioni Tradizionali

Forse più che per le bellezze paesaggistiche o per la presenza di antiche testimonianze, la Città di San Mauro T.se è nota a tutti come “IL PAESE DELLE FRAGOLE”. La tradizione fa risalire la prima piantagione di fragole a S. Mauro al 1706, anno dell’assedio di Torino da parte dei Francesi. In quell’anno la cavalleria del Duca Vittorio Amedeo II conseguì un’importante vittoria, ma il grande esito comportò la distruzione delle campagne e di tutti i raccolti. L’Abate benedettino, che in quegli anni governava la comunità di San Mauro, ebbe un’idea geniale: chiese ai Duca di Casa Savoia, quale risarcimento per i danni di guerra, di poter estirpare dagli umidi e freschi boschi che circondavano le sontuose residenze di Racconigi e di Stupinigi un certo numero di piantine di fragole per trapiantarle nelle terre di S. Mauro. Ebbe inizio così la produzione di questo delizioso frutto primaverile che ben presto divenne celebre per la sua bontà ed in seguito simbolo di S. Mauro. Oggi la FESTA DELLE FRAGOLE, che si tiene l’ultima domenica di maggio, seguendo una tradizione di sagre che si tramanda dal 1933, è una bella occasione per gustare il famoso frutto, ma anche per assistere a manifestazioni di ogni genere: esposizioni floreali ed agricole, sfilate di costumi tradizionali, performance artistiche. Una festa dai colori accesi e dai sapori vivaci ... come quelli delle fragole.

Colori e sapori, tradizione e folklore ritornano anche la terza domenica di settembre quando si celebra la FESTA PATRONALE DEI CORPI SANTI. Questo nome sta ad identificare le reliquie dei Santi martiri che nel 1662 furono traslate dalle catacombe di Roma nella Chiesa di S. Maria di Pulcherada, su richiesta dell’abate Aghemio.

L’importante avvenimento venne festeggiato solennemente dalla comunità religiosa di S. Mauro ed ogni anno ricordato con una grande Festa. All’inizio di questo secolo le attività e i divertimenti erano situati lungo la sponda del Po (l’attuale Piazza Europa) fino al Ponte Vecchio.
La fiera del martedì, divenuta oggi un grande mercato di prodotti diversi, era essenzialmente bovina. I buoi adornati con variopinti nastri si contendevano il premio in denaro che veniva assegnato al bue più grosso e forte. La Festa di settembre era anche una buona occasione per le ragazze da maritare che, sfoggiando il vestito nuovo ed esibendosi nel ballo, catturavano l’attenzione e... il cuore dei “forestieri”.

Oggi la Festa dei Corpi Santi, ricca di celebrazioni religiose e civili, è diventato lo scenario adatto alle più svariate occasioni di divertimento: si può scegliere fra il teatro per bambini e l’importante esibizione musicale, tra la visita ad una mostra alla partecipazione a gare sportive, tra una serata di ballo in piazza ed una degustazione di specialità gastronomiche.

Ma l’attrazione che unisce grandi e piccini e che riesce a catturare gli sguardi di migliaia di persone è sicuramente lo spettacolo finale, costituito dagli straordinari fuochi d’artificio: piogge di stelle che illuminano la Città, il ponte Vecchio e le rive del fiume, regalando momenti di autentica magia.

Altro appuntamento fisso con la tradizione è il CARNEVALE SANMAURESE, manifestazione anche questa ricca di folklore: il martedi grasso è generalmente dedicato alla distribuzione in piazza di “polenta, bodin e sautissa”, felice connubio di antichi sapori.

Da alcuni anni si svolge, in occasione delle festività natalizie presso il centro storico di San Mauro, il PRESEPIO VIVENTE. Tale iniziativa coinvolge la Cittadinanza nella creazione di suggestivi scenari dal sapore antico; un'occasione imperdibile per calarsi nell'atmosfera e nello spirito del S. Natale.
Il Presepio Vivente di San Mauro T.se si svolge il 26 dicembre di ogni anno nel centro storico della città, intorno all'antica abbazia di Pulcherada. La manifestazione organizzata con il contributo ed il patrocinio del Comune, è allestita dall'Associazione Orsarese, dalla Parrocchia Santa Maria di Pulcherada, con la collaborazione dell'Unità Pastorale 29, della Protezione Civile, della Croce Verde, dell'Associazione Nazionale Carabinieri, dei commercianti e degli Istituti Comprensivi 1 e 2.
Un Presepio Popolare con 50 scene e 130 figuranti, dove il racconto degli episodi evangelici  è circondato dagli antichi mestieri e dalla vita contadina; nell'edizione dell’anno 2015 sono stati registrati 5000 visitatori.

Al di là delle manifestazioni tradizionali, ogni anno a S. Mauro si svolgono diverse iniziative, tra cui rassegne musicali e teatrali, che il Comune organizza spesso con la collaborazione delle associazioni presenti sul territorio, soprattutto la Pro Loco.