Regione Piemonte

Concessione assegno per il nucleo familiare (erogazione a carico dell'INPS)

Ultima modifica 18 gennaio 2018

Settore Servizi alla Persona - Ufficio Affari Sociali

Responsabile del procedimento, recapito telefonico e indirizzo di posta elettronica istituzionale

Eugenio Monticone - tel. 0118228024 - affari.sociali@comune.sanmaurotorinese.to.it

Dirigente responsabile

Dott.ssa Silvia Cardarelli

Descrizione del procedimento e riferimentio normativi

Hanno diritto all’assegno per il nucleo familiare il residente, genitore, adottante o affidatario in preadozione, di almeno tre figli minorenni, oppure convivente con tre figli del coniuge o con un figlio proprio o del coniuge e altri due in affidamento preadottivo o viceversa, cittadino italiano, comunitario o extracomunitario in possesso dello status di rifugiato politico e di protezione sussidiaria (l'elenco fatto degli aventi diritto è soltanto esemplificativo e pertanto è consigliabile sottoporre ogni qualvolta al vaglio dell'Ufficio, la sussistenza del possesso dei requisiti di accesso alla prestazione). La domanda va presentata - entro il 31 gennaio dell’anno successivo a quello di riferimento – al Comune di residenza e potrà essere accolta ove la ricchezza del nucleo familiare non superi il valore Isee di Euro 8.555,99 ed erogato dall'INPS. L'assegno, concesso dal Comune, viene successivamente erogato dall'INPS (massimo di Euro 1.836,90 per l'anno 2016 o il diverso maggiore importo aggiornato annualmente). La materia è regolata dalle seguenti fonti normative: art. 65 Legge n. 448/1998; D.M. n. 452/2000; D. Lgs. n. 251/07; D. Lgs. n. 30/2007; Circolare INPS n. 9/2010; D. Lgs. n. 40/2014; Circolare INPS n. 5/2014.

Termine per l'adozione del provvedimento finale

Il procedimento per l’accoglimento o l’eventuale rigetto dell’istanza è concluso in giorni 30 dal deposito dell’istanza regolare e completa in tutte le sue parti. In caso di accoglimento, i dati della persona ammessa al beneficio sono trasmessi  telematicamente all’INPS, che provvede all’erogazione dell’assegno.

Soggetto cui e’attribuito, in caso di inerzia del dirigente responsabile , il potere sostitutivo di adozione del provvedimento finale, modalita’ per attivare tale potere

Segretario Generale Dott. Gerardo Birolo - Telefono 0118228019 - mail: gerardo.birolo@comune.sanmaurotorinese.to.it
Il potere di intervento sostitutivo viene attivato rivolgendo richiesta scritta da inoltrarsi all’indirizzo di posta elettronica sopra riportato.

Atti e documenti da allegare all'istanza modulistica e fac-simile di autocertificazioni

  • Modulo di richiesta del beneficio
  • Copia della Carta di identità del dichiarante
  • Dichiarazione ISEE in corso di validità
  • Eventuale copia di sentenza di separazione o verbale Presidenziale di autorizzazione ai coniugi a vivere separati.

Ufficio Competente

L’istanza, compilata sull'apposito Modulo, va consegnata all’Ufficio Affari Sociali  di S. Mauro T.se Via Martiri della Libertà 150, telefono 011/8228062 - e-mail: affari.sociali@comune.sanmaurotorinese.to.it - nei giorni di lunedì, mercoledì e venerdì, dalle ore 09.00 alle ore 12.30, il lunedì anche dalle ore  16.00 alle ore 18.00.

Costi e modalità per effettuare i pagamenti

Non sono previsti costi.

Strumenti di tutela amministrativa e giurisdizionale riconosciuti dalla legge a favore dell'interessato

Avverso la determinazione dirigenziale che rigetta l’istanza  per carenza dei requisiti è ammesso ricorso giurisdizionale, con l’obbligatoria assistenza di un legale, al Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte, Corso Stati Uniti, 45, Torino entro 60 giorni decorrenti dalla pubblicazione dell’atto oppure, in alternativa, ricorso straordinario al Capo dello Stato entro 120 giorni decorrenti dalla pubblicazione dell’atto.