Regione Piemonte

Permesso di Costruire in sanatoria

Ultima modifica 29 luglio 2019

Settore Pianificazione e Gestione del Territorio

Responsabile del Procedimento

Ing. Matteo Tricarico - matteo.tricarico@comune.sanmaurotorinese.to.it

Dirigente responsabile

Ing. Matteo Tricarico

Descrizione del procedimento e riferimenti normativi

Per le opere edilizie realizzate in assenza di Permesso di Costruire, o in difformità da esso, in assenza di Denuncia di Inizio Attività (nelle ipotesi di cui all'articolo 22, comma 3 del DPR n° 380/2001) o in difformità da essa, il proprietario dell’immobile o l’avente titolo può, fino alla scadenza dei termini di cui agli articoli 31, comma 3, 33, comma 1, 34, comma 1, del DPR n° 380/2001 e comunque fino all'irrogazione delle sanzioni amministrative, ottenere il Permesso di Costruire in sanatoria. Requisito fondamentale per la presentazione dell’istanza di Sanatoria, sia ai sensi dell’art. 36 che ai sensi dell’art. 37 del DPR 380/2001, è che l’intervento abusivamente effettuato risulti conforme alla disciplina urbanistica ed edilizia vigente sia al momento della realizzazione dello stesso, sia al momento della presentazione della domanda di sanatoria.
Il rilascio del permesso in sanatoria di cui all’art. 36 del DPR 380/2001, e' subordinato al pagamento, a titolo di oblazione, del contributo di costruzione in misura doppia, ovvero, in caso di gratuità a norma di legge, in misura pari a quella prevista dall'articolo 16 del D.P.R. n. 380/2013. Nell'ipotesi di intervento realizzato in parziale difformità, l'oblazione e' calcolata con riferimento alla parte di opera difforme dal permesso. Gli interventi edilizi di cui ai commi 1 e 2 dell’art. 22 del DPR n° 380/2001 realizzati in difformità od in assenza di titolo (DIA/SCIA) , comportano invece l’applicazione delle sanzioni indicate all’art. 37 del DPR stesso.

Il Permesso di Costruire in sanatoria può essere richiesto:

a) ai sensi dell’art. 36 del DPR n° 380/2001 nei seguenti casi:

  • per opere eseguite in assenza di Permesso di Costruire o in totale difformità (artt. 31 e 33)
  • per opere eseguite in parziale difformità dal Permesso di Costruire (art. 34)
  • per opere eseguite in assenza di D.I.A. o in difformità da essa (per interventi riconducibili alla fattispecie di cui all’art. 22, comma 3

b) ai sensi dell’art. 37 del DPR 380/2001 nei seguenti casi:

  • per opere eseguite in assenza di titoli (per interventi riconducibili alla fattispecie di cui all’art. 22, commi 1 e 2
  • per opere eseguite in difformità dai titoli (per interventi riconducibili alla fattispecie di cui all’art. 22, commi 1 e 2

Sulla richiesta di permesso in sanatoria il responsabile del competente Ufficio comunale si pronuncia, con adeguata motivazione, entro sessanta giorni decorsi i quali la richiesta si intende rifiutata.
L’istanza di sanatoria, in bollo, va presentata dall’avente titolo utilizzando l’apposito Modello predisposto dal Comune. Alla richiesta deve essere allegata la documentazione grafica, redatta da un professionista abilitato, che evidenzi compiutamente le opere eseguite, la situazione precedentemente autorizzata ed il confronto tra le due situazioni, nonché la conformità delle stesse alla disciplina urbanistica ed edilizia vigente sia al momento della loro realizzazione, sia al momento della presentazione della domanda di sanatoria.

Normativa di riferimento:

  • Artt. 31, 33, 34, 36 e 37 del D.P.R. n.380 del 6 giugno 2001 e successive modifiche "Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia”

Termine per l'adozione del provvedimento finale

Il termine per la conclusione del procedimento è di di 60 giorni dalla ricezione dell’istanza da parte del Comune.

Soggetto cui e’ attribuito, in caso di inerzia del dirigente responsabile, il potere sostitutivo di adozione del provvedimento finale, modalità per attivare tale potere

Il soggetto cui è attribuito il potere sostitutivo è il Segretario Generale Dott. Gerardo Birolo - Telefono 0118228019 - mail: gerardo.birolo@comune.sanmaurotorinese.to.it.
Il potere di intervento sostitutivo viene attivato rivolgendo richiesta scritta da inoltrarsi all’indirizzo di posta elettronica sopra riportato (Art. 2, c. 9 bis, L. 241/90)

Atti e documenti da allegare all'istanza

La domanda per l’ottenimento del Permesso di Costruire in Sanatoria deve essere redatta in bollo utilizzando l’apposito Modello predisposto dall’Amministrazione Comunale ed allegando la documentazione ivi indicata. Il Modello è disponibile presso la Segreteria Amministrativa dei Servizi Edilizia e Urbanistica del Settore pianificazione e gestione del territorio - Via Martiri della Libertà 150, 2° Piano - e scaricabile dal sito web istituzionale del Comune www.comune.sanmaurotorinese.to.it alla voce "Modulistica".

Ufficio competente

Sezione Edilizia - del Settore Pianificazione e Gestione del Territorio Via Martiri della Libertà 150, 2° Piano
Orario di apertura al pubblico: mercoledì e venerdi dalle ore 08.30 alle 12.30
e-mail: edilizia@comune.sanmaurotorinese.to.it - Fax n. 011/8228001 
Tel. 011/8228003 Geom. Valter Casalegno
Tel. 011/8228068 Dott.ssa Paola La Porta
Tel. 011/8228060 Geom. Sveva Secchiero
Pec: settore.tecnico@cert.comune.sanmaurotorinese.to.it

La domanda per il rilascio del Permesso di Costruire può essere presentata all'Ufficio Protocollo della Segreteria Generale Via Martiri della Libertà 150, 1° Piano.
Orari di apertura al pubblico: dal lunedì al venerdì dalle 08.30 alle 12.30; lunedì e mercoledì dalle 16.00 alle 18.00.
La trasmissione di documentazione per via telematica deve essere invece effettuata, tramite PEC:
settore.tecnico@cert.comune.sanmaurotorinese.to.it

Costi e modalità per effettuare i pagamenti

  • 1 marca da bollo da euro 16,00 da apporre sulla domanda 
  • 1 marca da bollo da euro 16,00 da apporre sul provvedimento finale al momento del rilascio
  • da un minimo di euro 60,00 ad un massimo di euro 516,00 per diritti di segreteria, calcolati dagli Uffici secondo il tipo d’intervento, da pagarsi al momento del ritiro del presso la Segreteria dei Servizi Edilizia e Urbanistica del Settore pianificazione e gestione del territorio - Via Martiri della Libertà 150, 2° Piano nei giorni di apertura al pubblico.
  • sanzione pecuniaria determinata ai sensi di legge in base alla tipologia dell’intervento realizzato ed al corrispondente titolo abilitativo di riferimento. Il relativo importo è comunicato agli interessati dai competenti Uffici comunali.
    Il versamento della sanzione deve essere effettuato alla Tesoreria Comunale presso la Banca dei Paschi di Siena, sita in San Mauro Torinese in Via Martiri della Libertà n. 58, IBAN IT 28 Z 01030 30940 000000496233.

Strumenti di tutela amministrativa e giurisdizionale riconosciuti dalla legge a favore dell'interessato

Avverso il rigetto della richiesta di Permesso di Costruire in Sanatoria, può essere promosso ricorso giurisdizionale al T.A.R. o ricorso straordinario al Presidente della Repubblica, rispettivamente, entro 60 o 120 giorni dalla notifica del provvedimento di rigetto e/o dalla formazione del silenzio-diniego di cui all’art. 36 del D.P.R. n. 380/2001.