Richiesta contributi a valere sul Fondo Nazionale di Sostegno alla Locazione

Ultima modifica 22 luglio 2020

Settore Servizi alla persona – Ufficio Casa

RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO, RECAPITO TELEFONICO E INDIRIZZO DI POSTA ELETTRONICA ISTITUZIONALE:

Eugenio Monticone; telefono 011/822.80.24

e-mail : ufficio.casa@comune.sanmaurotorinese.to.it

DIRIGENTE RESPONSABILE

Dott.ssa Silvia Cardarelli

DESCRIZIONE DEL PROCEDIMENTO E RIFERIMENTI NORMATIVI :

La Legge n. 431 del 1998 ha istituito il Fondo Nazionale di Sostegno alla Locazione che eroga contributi a totale/parziale rimborso del canone annuo dovuto e effettivamente corrisposto dal conduttore in locazione di alloggio di edilizia privata ad uso abitativo in forza di regolare contratto registrato. I tempi e i requisiti di partecipazione e ammissione al Fondo sono fissati per ogni anno locatizio con provvedimento del Ministero dei Lavori Pubblici anche in relazione alle risorse statali disponibili.

La Regione Piemonte integra poi i detti requisiti sulla base delle esigenze territoriali e determina ulteriormente nel dettaglio i tempi e modi di partecipazione e ammissione al Fondo, a cui i Comuni – cui è attribuito il compito di ricevere le istanze, di istruirle e di accertare il fabbisogno contributivo di ciascun richiedente - dovranno attenersi.

Il Comune previa pubblicità dell’indizione del bando di concorso al Fondo Nazionale di Sostegno alla Locazione, ricevute e istruite le istanze, con determina dirigenziale ammette gli aventi diritto e ne invia il fabbisogno alla Regione Piemonte, che in un tempo non prefissato erogherà infine il contributo attraverso i Comuni stessi.

In linea di massima il Fondo è finalizzato a sostenere i conduttori più deboli dal punto di vista socio economico.

Per il Fondo Nazionale di Sostegno alla Locazione di prossima apertura (1° settembre 2020) i criteri di ammissione e di attribuzione del contributo sono i seguenti:

cittadinanza italiana, oppure cittadinanza di uno Stato aderente all’Unione Europea oppure cittadinanza di altro Stato e possesso titolo di soggiorno in corso di validità;

residenza anagrafica nell’alloggio oggetto del contratto di locazione per il quale si richiede il contributo;

titolarità di un contratto di locazione ad uso abitativo regolarmente registrato per un immobile ad uso abitativo relativo all’anno 2019 di categoria catastale A2, A3, A4, A5 e A6;

valore del reddito complessivo riportato nella attestazione ISEE 2020 uguale o inferiore a euro 13.338,26 (corrispondente al valore di due pensioni minime INPS per l’anno 2019);

canone annuale di locazione 2019, come risultante dal contratto registrato, escluse le spese accessorie, non superiore a euro 6.000,00;

incidenza del canone di locazione, regolarmente corrisposto nel 2019, e al netto degli oneri accessori sul reddito complessivo risultante dalla attestazione ISEE 2020 superiore al 28% per cento.

L’erogazione del contributo a soggetti che dichiarano reddito complessivo zero, oppure inferiore al canone di locazione per il quale richiedono il contributo può avvenire previa acquisizione di dichiarazione delle fonti di sostentamento del nucleo familiare e relativa verifica da parte del Comune.

La materia è regolata dalle seguenti fonti normative: art. 11 della Legge 431/1998; Deliberazione Giunta Regionale 27 marzo 2020, n. 6-1164 al cui contenuto integrale si rimanda per ogni altro criterio di accesso al Fondo/cause di esclusione, misura dei contributi.

TERMINE PER L’ADOZIONE DEL PROVVEDIMENTO FINALE :

Il procedimento per l’accoglimento o l’eventuale rigetto dell’istanza è concluso entro i termini previsti dalla deliberazione comunale di indizione del bando di concorso.

SOGGETTO CUI E’ATTRIBUITO, IN CASO DI INERZIA DEL DIRIGENTE RESPONSABILE , IL POTERE SOSTITUTIVO DI ADOZIONE DEL PROVVEDIMENTO FINALE, MODALITA’ PER ATTIVARE TALE POTERE, INDIRIZZO E RECAPITI

Segretario Generale Dott. Gerardo Birolo

E-mail: gerardo.birolo@comune.sanmaurotorinese.to.it

Il potere di intervento sostitutivo viene attivato rivolgendo richiesta scritta da inoltrarsi all’indirizzo di posta elettronica sopra riportato.

ATTI E DOCUMENTI DA ALLEGARE ALL’ISTANZA, MODULISTICA E FAC SIMILE DI AUTOCERTIFICAZIONI

Il modulo di partecipazione viene pubblicato online a partire dal primo giorno di raccolta delle domande di partecipazione al Fondo.

Nel corrente anno i termini di apertura alla partecipazione al Fondo sono:

dal 1° al 30 settembre 2020

I documenti richiesti sono i seguenti:

- copia delle quietanze di saldo delle mensilità di canone locatizio dell’anno di riferimento (

- verbale di invalidità, ove dedotta;

- eventuale copia di sentenza di separazione o verbale Presidenziale di autorizzazione ai coniugi a vivere separati (ove rilevante ai fini ISEE)

All’atto della presentazione della domanda è richiesta l’esibizione/copia di valido documento di identità del richiedente.

Al richiedente verrà anche chiesto di indicare per iscritto il numero di protocollazione INPS della propria attestazione ISEE in corso di validità.

Ufficio Competente

L’istanza, compilata sull'apposito modulo (reperibile qui online a partire dal primo giorno di raccolta iscrizioni, oppure in formato cartaceo presso l’Ufficio Casa e presso l’Ufficio Relazioni con il Pubblico), va consegnata all’Ufficio Casa di S. Mauro T.se - Via Martiri della Libertà 150,

- telefono 011/822.80.25

- mail ufficio.casa@comune.sanmaurotorinese.to.it

o presentandola di persona, previo appuntamento telefonico, nei giorni di lunedì, mercoledì e venerdì, dalle ore 9.00 alle ore 12,30, il lunedì anche dalle ore 16,00 alle ore 18,00

o inviandola per posta, anche via mail, debitamente firmata e corredata dei documenti allegati e del documento di identità del sottoscrittore.

COSTI E MODALITA’ PER EFFETTUARE I PAGAMENTI

Non sono previsti costi.

STRUMENTI DI TUTELA AMMINISTRATIVA E GIURISDIZIONALE RICONOSCIUTI DALLA LEGGE A FAVORE DELL’INTERESSATO

Avverso la determina dirigenziale, che rigetta o accoglie parzialmente l’istanza di ammissione al contributo, è ammesso ricorso giurisdizionale, con l’obbligatoria assistenza di un legale, al Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte, Corso Stati Uniti, 45, Torino entro 60 giorni dalla pubblicazione della stessa determinazione, oppure, in alternativa, va proposto ricorso straordinario al Capo dello Stato entro 120 giorni decorrenti dal medesimo termine.