Regione Piemonte

Trasformazione da diritto di superficie in diritto di proprietà degli alloggi costruiti su aree P.E.E.P. con convenzione ex art. 35 legge 865/1971

Ultima modifica 7 agosto 2019

Settore pianificazione e gestione del territorio

Responsabile del Procedimento

Ing. Matteo Tricarico - matteo.tricarico@comune.sanmaurotorinese.to.it

Dirigente responsabile

Ing. Matteo Tricarico

Descrizione del procedimento e riferimenti normativi

Per i proprietari degli alloggi costruiti su aree P.E.E.P. cedute in diritto di superficie, con convenzioni stipulate ai sensi dell’art. 35 della Legge 22 ottobre 1971 n. 865 e successive modificazioni, è possibile la trasformazione del diritto di superficie in proprietà piena previa stipula, a richiesta del singolo proprietario, di una convenzione in forma pubblica soggetta a trascrizione e a condizione che:
a) siano trascorsi almeno 5 anni dalla data del primo trasferimento della proprietà,
b) in caso di edilizia agevolata, sia stato completamente estinto l’eventuale mutuo agevolato ottenuto per l’acquisto della casa,
c) venga versato al comune un corrispettivo calcolato ai sensi del comma 48 dell’articolo dell’art. 31 della legge n. 448/1998.
La trasformazione del diritto di superficie in diritto di piena proprieta' sulle aree, puo' avvenire a seguito di proposta da parte del Comune e di formale accettazione da parte dei singoli proprietari.
La nuova convenzione avra’ una durata di 20 anni diminuita del tempo trascorso dalla stipula della concessione originaria ( che ha una durata di 99 anni).
Contestualmente possono essere rimossi, previo versamento di un ulteriore corrispettivo calcolato ai sensi del comma 49-bis dell’articolo dell’art. 31 della legge n. 448/1998, anche i vincoli di determinazione del prezzo di cessione e del canone di locazione degli alloggi.
Gli interessati che intendono aderire alla proposta del Comune,devono presentare apposita richiesta per conoscere l’ammontare del corrispettivo economico dovuto. I competenti Uffici provvederanno quindi al calcolo, secondo i criteri, le modalità e le procedure stabiliti, rispettivamente, con deliberazione del Consiglio Comunale n. 10 del 24.02.2014 e con determinazione dirigenziale n. 116 del 3.03.2014, comunicando l’ammontare dell’importo ai richiedenti che , dopo aver effettuato il relativo pagamento ( è ammessa anche la forma rateale), dovranno infine sottoscrivere la nuova convenzione col Comune.

Normativa di riferimento :

  • Art. 5 comma 3-bis del D.L. n. 70/2011 “Semestre Europeo - Prime disposizioni urgenti per l'economia” , convertito dalla legge 12 luglio 2011 n. 106
  • Art. 29 comma 16-undecies del D.L. 29 dicembre 2011, n. 216 “Proroga di termini previsti da disposizioni legislative”, convertito dalla Legge 24 febbraio 2012, n. 14
  • Art. 23-ter, comma 1-bis del D.L. 6 luglio 2012 n. 95 “Disposizioni urgenti per la revisione della spesa pubblica con invarianza dei servizi ai cittadini”, convertito dalla la legge 7 agosto 2012 n. 135
  • Art. 31, commi 45, 46 lettera a), 47, 48 e 49-bis della Legge n. 448/98 “Misure di finanza pubblica per la stabilizzazione e lo sviluppo”
  • Art. 18 D.P.R. n.380 del 6 giugno 2001 e successive modifiche "Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia”
  • Art. 35 della Legge 22 ottobre 1971 n. 865 “ Programmi e coordinamento dell'edilizia residenziale pubblica; norme sulla espropriazione per pubblica utilita'; modifiche ed integrazioni alle leggi 17 agosto 1942, n. 1150; 18 aprile 1962, n. 167; 29 settembre 1964, n. 847; ed autorizzazione di spesa per interventi straordinari nel settore dell'edilizia residenziale, agevolata e convenzionata”
  • Deliberazione del Consiglio Comunale n. 10 del 24.02.2014 “Determinazioni in materia di edilizia residenziale pubblica ai fini della rimozione dei vincoli convenzionali ai sensi dell’articolo 31, commi 45, 46, 49-bis e 49-ter della legge 23 dicembre 1998 n. 448. Definizione criteri di calcolo del corrispettivo dovuto e approvazione schemi convenzione”.

Soggetto cui è attribuito, in caso di inerzia del dirigente responsabile, il potere sostitutivo di adozione del provvedimento finale, modalità per attivare tale potere

Il soggetto cui è attribuito il potere sostitutivo è il Segretario Generale Dott. Gerardo Birolo - Telefono 0118228019 - mail: gerardo.birolo@comune.sanmaurotorinese.to.it
Il potere di intervento sostitutivo viene attivato rivolgendo richiesta scritta da inoltrarsi all’indirizzo di posta elettronica sopra riportato. (Art. 2, c. 9 bis, L. 241/90)

Atti e documenti da allegare all'istanza, modulistica e fac-simile di autocertificazioni

Occorre presentare domanda  utilizzando, in base alla fattispecie ricorrente, la seguente modulistica:

  • modello 1 sostituzione convenzione originaria da diritto di superficie a diritto di proprietà e rimozione vincoli prezzo di cessione - Rif. Schema convenzione C

Alla domanda deve essere allegata:

  • la planimetria e la visura catastale dell'alloggio e relative pertinenze ,
  • copia atto notarile di compravendita/assegnazione dell'alloggio e relative pertinenze;
  • tabella quote millesimali condominiali sottoscritta dall’Amministratore del Condominio;
  • fotocopia carta d'identità e codice fiscale.

Il suddetto Modulo per la richiesta è disponibile anche presso la Segreteria Amministrativa dei Servizi Edilizia e Urbanistica del Settore Pianificazione e Gestione del Territorio  - Via Martiri della Libertà 150 , 2° piano e scaricabile dal Sito  del Comune alla voce 'Modulistica

Ufficio competente

La domanda va presentata all'Ufficio Protocollo della Segreteria Generale - Via Martiri della Libertà 150, 1° Piano, aperto nei giorni dal lunedì al venerdì dalle 08.30 alle 12.30 e il lunedì e mercoledì dalle 16.00 alle 18.00. Informazioni possono essere richieste alla Sig.ra Patrizia Bagatin Tel. 011- 8228005; Tel. 011/8228068 Dott.ssa Paola La Porta
Pec: settore.tecnico@cert.comune.sanmaurotorinese.to.it
 

Costi e modalità per effettuare i pagamenti

  • 1 marca da bollo da euro 16,00 al momento della presentazione della richiesta;
  • corrispettivo economico da calcolarsi, per ogni singolo alloggio, in base ai millesimi di proprietà e secondo le modalità, i criteri e le procedure indicati nella Deliberazione del Consiglio Comunale n. 10 del 24.02.2014.