Regione Piemonte

Rilascio certificazioni

Ultima modifica 18 gennaio 2018

Settore Servizi alla Persona - Ufficio Anagrafe

Responsabile del procedimento, recapito telefonico e indirizzo di posta elettronica istituzionale

Rosanna Panebarco - tel. 0118228040 - rosanna.panebarco@comune.sanmaurotorinese.to.it

Dirigente responsabile

Dott.ssa Silvia Cardarelli

Descrizione del procedimento e riferimenti normativi

Un certificato anagrafico è una dichiarazione di conoscenza di fatti, atti o qualità, rilasciata in forma scritta che attesta situazioni anagrafiche reali quali la residenza, la composizione familiare, lo stato libero e l’esistenza in vita.
I certificati anagrafici vengono rilasciati dall’Ufficiale d’Anagrafe ed hanno validità di sei mesi.
I certificati di residenza e stato di famiglia possono essere richiesti da chiunque. Per altre tipologie di certificati e attestazioni, è necessario invece valutare le motivazioni addotte dal richiedente ed il contenuto della certificazione richiesta.
La legge n. 183/2011 art. 15 ha stabilito che sulle certificazioni da produrre ai soggetti privati deve essere apposta, a pena di nullità, la dicitura “Il presente certificato non può essere prodotto agli organi della pubblica amministrazione o ai privati gestori di pubblici servizi” ed ha altresì previsto che “Le amministrazioni pubbliche e i gestori di pubblici servizi sono tenuti ad acquisire d’ufficio le informazioni oggetto delle dichiarazioni sostitutive di cui agli articoli 46 e 47, nonché tutti i dati e i documenti che siano in possesso delle pubbliche amministrazioni (…) ovvero ad accettare la dichiarazione sostitutiva prodotta dall’interessato”.
Il rilascio della certificazione anagrafica è disciplinato dal Capo VI del D.P.R. 223/89 nonché da circolari esplicative.

Termine per l'adozione del provvedimento finale

  • Il rilascio dei certificati è immediato in caso di richiesta diretta allo sportello, per certificazioni rilasciabili on line senza ricerche.
  • 10 gg per certificazioni storiche o con ricerca d’archivio.
  • 30 gg per certificazioni o attestazioni che richiedano accertamenti o verifiche presso uffici diversi.

Soggetto cui è attribuito, in caso di inerzia del dirigente responsabile, il potere sostitutivo di adozione del provvedimento finale, modalità per attivare tale potere

Segretario Generale Dott. Gerardo Birolo - Telefono 0118228019- mail: gerardo.birolo@comune.sanmaurotorinese.to.it
Il potere di intervento sostitutivo viene attivato rivolgendo richiesta scritta da inoltrarsi all’indirizzo di posta elettronica sopra riportato.

Atti e documenti da allegare all'istanza, modulistica e fac-simile di autocertificazioni

Ufficio competente

Per il rilascio occorre compilare l'apposito Modulo (reperibile nella presente pagina) e consegnarlo all' Ufficio Anagrafe, Via Martiri della Libertà 150 - dal lunedì al venerdì dalle ore 08.30 e le 12.30 e il lunedì e il mercoledì dalle ore 16.00 alle ore 18.00, telefono 011/8228035 - 011/8228034 - e-mail: ufficio.anagrafe@comune.sanmaurotorinese.to.it - pec: anagrafe@cert.comune.sanmaurotorinese.to.it

Costi e modalità per effettuare i pagamenti

Il rilascio del certificato è soggetto al pagamento dei diritti di segreteria il cui importo varia in funzione dell'uso della certificazione:

  • € 0,26 per certificati anagrafici rilasciabili per usi esenti dall'imposta di bollo
  • € 0,52 per certificati anagrafici in bollo più marca da bollo € 16,00 (importo da versare direttamente allo sportello – non è necessaria la marca da bollo)
  • Il costo di un certificato anagrafico storico rilasciato in esenzione dall'imposta di bollo è di euro 2,58 per ogni componente; per i certificati in bollo, € 5,16 per ciascun componente, oltre ad € 16,00 per imposta di bollo.

Strumenti di tutela amministrativa e giurisdizionale riconosciuti dalla legge a favore dell'interessato

Avverso il rifiuto di rilasciare un certificato anagrafico o il rilascio di un certificato contenente errori è previsto ricorso al Prefetto di Torino nel termine di trenta giorni dalla data della notifica del provvedimento definitivo dell’Ufficiale d’Anagrafe.
Contro gli atti del Prefetto è possibile proporre ricorso al Tribunale Amministrativo Regionale competente entro il termine di 60 giorni dalla notifica oppure, ricorso straordinario al Capo dello Stato per soli motivi di legittimità entro 120 giorni dalla notifica.